La fame nervosa

La fame nervosa è una condizione causata spesso da malesseri mentali. I suoi effetti sulla nostra psiche sono temporanei ma quelli sulla nostra salute dannosi. Ecco alcuni consigli per vincere questa battaglia.

La fame nervosa, o fame emotiva, è quella condizione in cui si mangia non per fame ma per placare un malessere più mentale che fisico. Gli stimoli che maggiormente guidano la fame nervosa sono lo stress, l’ansia, la noia, la tristezza, la bassa autostima, utilizzando il cibo come sfogo o isola sicura. Tuttavia, è dimostrato che non solo il tuffarsi nel cibo non farà sparire i nostri problemi, ma ci porterà ad un aumento di peso, elevati livelli di zuccheri e lipidi nel sangue (incrementando il rischio di diabete e malattie cardiovascolari) e ci renderà ancora più frustrati.

Come si può contrastare? L’azione principale è quella di risolvere il problema scatenante le nostre emozioni, affrontarle e vincerle, magari con l’aiuto di uno specialista. Alcuni consigli per non cedere allo stimolo della fame nervosa sono:

  • Niente cibo spazzatura in casa. Se non c’è, non possiamo mangiarlo. Merendine, biscotti, snack, patatine, caramelle sono i più ambiti durante un attacco di fame nervosa, proprio perché ci “coccolano” e inviano uno stimolo di benessere al nostro cervello. Andiamo a fare la spesa a stomaco pieno e con una lista di cibi sani da comprare, senza cadere in tentazione;
  • Se proprio dovete cedere, che sia cibo salutare. Non si riesce proprio a fare a meno del cibo, puntiamo sulla qualità. Durante gli attacchi di fame mangiamo verdure (possibilmente crude) e frutta. Non ci daranno la stessa soddisfazione ma avranno un minor apporto calorico, saranno calorie ricche di nutrienti (minerali, vitamine e antiossidanti) e aumenteranno il senso di sazietà;
  • Trovate un valido alleato nella natura per ristabilire l’equilibrio delle vostre emozioni:
    • Zafferano: utile per l’umore
    • Magnesio: contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso e alla normale funzione psicologica
    • Vitamina B3 (Niacina): contribuisce alla normale funzione psicologica, al normale funzionamento del sistema nervoso e alla riduzione della stanchezza e affaticamento
    • Vitamina B12 (Cobalamina): contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso, e alla normale funzione psicologica oltre alla riduzione della stanchezza e dell’affaticamento
  • Trova una valvola di sfogo differente. C’è chi potrà incanalare le proprie emozioni nella scrittura, nella pittura o nella musica. Se l’arte non è parte della vostra personalità, uno dei modi migliori per sfogare i propri sentimenti è l’attività fisica e lo sport. Così convertiremmo uno stimolo emozionale che ci lancerebbe a capofitto sul cibo (facendoci ingrassare), in un’attività che ci faccia scaricare le tensioni (mantenendoci in forma);
  • Rilassa la tua mente. Se da una parte lo sport ci permette di scaricare le tensioni, le attività di meditazione, lo yoga o il pilates possono aiutarci a gestire le forti emozioni, allontanandole da noi.

Bisogna riuscire a impegnare la mente abbastanza da superare il momento di fame nervosa. E chissà che queste attività non diventino una piacevole abitudine in grado di darci gioia e serenità, anche al di fuori dei momenti di particolare nervosismo e debolezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *