Artrite Reumatoide e sport

L’Artrite Reumatoide è una malattia infiammatoria autoimmune che colpisce circa l’1% della popolazione. Molti studi recenti hanno dimostrato come l’esercizio fisico possa apportare notevoli benefici. Tuttavia, la sua programmazione è di cruciale importanza. Vediamo alcuni consigli.

L’Artrite Reumatoide (AR) è una malattia infiammatoria autoimmune cronica e progressiva che porta alla degenerazione articolare e colpisce circa 1% della popolazione adulta, in particolar modo il sesso femminile (rapporto donna/uomo 3:1) e maggiormente nella fascia di età 40-60 anni.

I sintomi sono dolore, gonfiore e rigidità nel movimento con progressiva perdita della funzionalità delle articolazioni coinvolte. Quelle maggiormente colpite sono le piccole articolazioni a livello di mani, piedi, polsi, spalle, ma anche gomiti, ginocchia e caviglie. Sintomi che si aggiungono a quelli articolari sono indolenzimento muscolare, stanchezza, febbre, perdita di peso, rash cutaneo.

I tipici fattori predisponenti non modificabili al AR sono la genetica, il sesso (femminile) e fattori ormonali mentre i  fattori ambientali sono il fumo di sigaretta, fattori socioeconomici, agenti di natura infettiva e l’obesità. Al contrario, tra i fattori protettivi ritroviamo la dieta mediterranea e in generale un pattern alimentare ricco di pesce, olii vegetali e verdura.

Uno degli aspetti più controversi del trattamento dell’artrite reumatoide è l’attività fisica e lo sport. Sebbene l’esercizio fisico potrebbe sembrare un’indicazione sbagliata per i malati di AR, molti studi hanno osservato un grande beneficio dal movimento. Un’analisi portoghese ha evidenziato come un programma di 3 mesi che prevedeva un connubio di esercizi aerobici e di potenziamento, condotto per 50-60 minuti per tre volte la settimana, risultava apportare benefici psicofisici dei soggetti con AR, stabilizzandone la progressione della patologia. Il 33% ha avuto un miglioramento della mobilità fisica e nell’abilità di mangiare, vestirsi e camminare da soli.  Inoltre, il 62% dei pazienti ha riportato una riduzione dei trattamenti antiinfiammatori e antidolorifici, mentre il 32% aveva totalmente interrotto la terapia farmacologica. In aggiunta, il 40% dei pazienti ha mostrato un miglioramento degli stati d’ansia e depressione.

Come scegliere l’attività fisica più idonea in un paziente con AR?

  • La prima regola è la “personalizzazione”. Ogni individuo ha le proprie caratteristiche e quello che va bene per uno non è detto che vada altrettanto bene per un altro;
  • Evitare qualunque attività che comporti un sovraccarico intenso e/o prolungato sull’articolazione che risulta infiammata;
  • Evitare carichi ripetuti e/o intensi a livello delle articolazioni che presentano danneggiamento, anche quando non infiammate;
  • Selezionare l’attività da svolgere tenendo presente che alcune di queste gravano in maniera particolare su specifiche articolazioni;
  • In caso di aggravamento della sintomatologia, sospendere temporaneamente l’attività fisica, aspettando che il problema rientri fisiologicamente, evitando l’assunzione di antidolorifici e antinfiammatori pur di riprendere lo sport.

Nonostante i forti dolori e la stanchezza portino il soggetto a preferire una vita sedentaria, il regolare e controllato lavoro aerobico associato ad esercizi di rafforzamento possono risultare estremamente vantaggiosi, riducendo la perdita di massa ossea, tonificando i muscoli, mantenendo in funzione le articolazioni e aiutando a controllare il dolore. Il consiglio che come sempre ci sentiamo di dare è quello di pianificare la propria attività fisico-sportiva con uno specialista, così da massimizzare gli effetti positivi sulla propria salute ed evitare di danneggiare ulteriormente le articolazioni coinvolte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *